Con la formazione Under 18 costretta ancora a restare al palo causa covid (la partita contro i Daemons prevista per oggi è stata rinviata al 21 Novembre prossimo), è ancora la Under 15 a recitare la parte da protagonista in questo secondo week end di campionati giovanili.

Dopo la bella e sofferta affermazione contro i Rhinos la scorsa settimana, i Giaguari affrontavano i Seamen Milano in quello che poteva essere già uno spareggio per il primo posto in classifica, dal momento che anche i Seamen avevano esordito vincendo contro i Daemons domenica scorsa.

I Giaguari, consci della posta in palio, hanno giocato una partita ordinata, con molti meno errori rispetto alla scorsa settimana, ed hanno portato a casa una vittoria che li proietta solitari al comando della classifica del girone A con due vittorie su due partite giocate.

Quarantaquattro i punti segnati, esattamente come il numero di maglia di Edoardo Piacentini, che è stato il vero protagonista di giornata con una prestazione maiuscola sia in attacco che in difesa. Il Quarterback / Safety dei Giaguari ha sbrogliato da solo un gran numero di situazioni complicate sui due fronti del pallone, andando anche a prendersi la segnatura che metteva in ghiaccio la partita verso la fine del quarto periodo con un drive tutto costruito con le sue corse personali che hanno dato più di un mal di testa alla difesa dei Seamen per tutta la giornata.

I Giaguari andavano a segno per primi con un passaggio di Piacentini per Roberto Fiore, che si involava in touchdown. La trasformazione non sortiva effetto, e così i Seamen potevano pareggiare nel drive successivo, fallendo anch’essi la conversione. Il primo quarto terminava con il punteggio fermo sul 6-6.

Nel secondo periodo, però, i Giaguari davano un’accelerata improvvisa in attacco, mentre la difesa metteva la museruola all’attacco avversario mantenendo inviolata la propria end zone. Piacentini segnava il suo primo touchdown di giornata trasformato da Federico Morano, poi il quarterback giallonero trovava con un preciso passaggio il tight end Torben Klemmer per un favoloso touchdown che, trasformato da due punti dallo stesso Piacentini, permetteva ai Giaguari di terminare il primo tempo avanti 22-6 ed in pieno controllo della partita.

Al rientro in campo i Seamen erano decisamente più concentrati, e con la prima azione del secondo tempo tagliavano in due la difesa torinese con un lancio da 75 yard trasformato da due punti.

La reazione dei Giaguari non si faceva attendere ed arrivava su azione di lancio. Piacentini trovava Vincenzo Ippolito liberissimo in end zone e poi andava a trasformare da due fissando il parziale sul 30-14.

I Seamen, che nell’intervallo avevano evidentemente apportato dei cambiamenti e degli aggiustamenti, andavano di nuovo in touchdown con trasformazione da due e si mantenevano ad una segnatura di distanza dai Giaguari, che però replicavano ancora con una corsa di Piacentini non trasformata.

Verso la fine del terzo periodo Roberto Fiore subiva un placcaggio duro che lo costringeva ad andare via con l’ambulanza. Gli accertamenti diagnostici, fortunatamente, non evidenziavano conseguenze serie, e lo slot torinese se la cavava solo con un grande spavento e null’altro.

Nel quarto quarto i Seamen cercavano di restare aggrappati alla partita con un’altra segnatura portandosi sul 36-28, ma l’Edoardo Piacentini Show riportava i Giaguari avanti di due segnature con un touchdown su corsa trasformato da Lorenzo Bacchetti.

I Seamen segnavano ancora portandosi sul 44-36, ma non c’era più tempo per provare a rimontare, perché i Giaguari entravano in possesso di palla con meno di un minuto da giocare e lasciavano correre il tempo per far finire una partita vinta con merito, tenacia e determinazione.

Il prossimo weekend il campionato si ferma per tifare per la nazionale in occasione della finale dei campionati europei a Malmö contro la Svezia, e tra quindici giorni i Giaguari renderanno visita ai Daemons Cernusco, che questa settimana hanno sorprendentemente battuto i Rhinos rifilandogli 58 punti. Un’altra partita dure in quello che possiamo considerare senza timore di smentita il girone più impegnativo del campionato Under 15 2021.